Articoli

Una Opera d'Arte chiamata Sjees

DI E.G.
Il tipico gig della frisia prende il nome di "Sjees"

storicamente viene collocato nella prima metà del 18 ° secolo; essi sono i primi gig (carrozza a due ruote) che vennero prodotte in Olanda e molto probabilmente nella regione della Frisia olandese, il loro nome "sjees".

Il Sjees, è un Gig ovvero un calesse a due ruote; i materiali con cui è abilmente costruito dai rari artigiani sono il legno ed il cuoio di ottima fattezza, in alcuni casi viene usato anche il velluto per le sedute.
Tipicamente questo Gig ha le ruote alte 1,50Mt ed hanno 14 raggi.
L'elegante corpo del gig ovvero la seduta o seggio è sospesa da terra grazie a delle delle cinghie di pelle solida che ancorate alla struttura portante tengono in posizione il seggio. (VEDI FOTO)
Il corpo della seduta è dotato di pannelli di legno ben sagomati, medianti processi di piegatura a vapore e venivano inizialmente ornati in stile rococò (negli anni antecedenti Luigi XIV), mentre altri "sjees" possono avere una rifinitura ornamentale stile Luigi XVI.

Esiste un libro nelle quali vengono registrati gli sjees; affinché tale Gig potesse venire iscritto al registro doveva venire sottoposto a 26 severissimi controlli di misurazione. Una volta iscritti al registro ogni "sjees" ottiene un numero di immatricolazione.

I "sjees" possono venire trainati da uno o due cavalli frisoni. Ci sono stati anche casi in cui i sjees erano trainati da 8 cavalli frisoni (4 pariglie)

In Frisia si usa ancora fare un concorso ippico con questi meravigliosi “sjees” ed è uno spettacolo da non perdere. Storicamente i "sjees" potevano venire guidati sia da cocchieri uomini che da donne ed entrambi vestono i tipici costumi della Frisia del 1860 (vedi foto) ed è il solo mezzo di trasporto, oltre ai carri agricoli, in cui il cocchiere è seduto sul lato sinistro mentre il groom siede alla destra al contrario di tutte le altre carrozze esistenti.

Sono Draghi Dormienti i Ponti sulla Statale

Sono Draghi Dormienti i Ponti sulla Statale
DI ALICE F.
Purtroppo l’equitazione è uno sport. Odio dal profondo del cuore entrambe le parole, e la loro associazione dà un risultato ancora più fastidioso della somma delle parti. Non c’è né emozione né magia. Intanto la parola equitazione. Capisco la radice, ma non il suffisso: è insensato, ridicolo, non ha paragoni nella grammatica italiana, salvo il manzoniano natazione, saggiamente sostituito con un più umano...

Ultimi commenti

Discussioni degli utenti

Ultime foto inserite