Articoli

Incontriamo Gonny Zwaagman

DI MARCO ORLANDINI
Oggi 18 febbraio vogliamo pubblicare questa intervista a Gonny Zwaagman dell’allevamento Stal de Oergong. Omaggio al grande Tsjitse 387 nel giorno del suo compleanno! Auguri Tsjitse!

Buongiorno Gonny,
avremmo qualche domanda su Tsjitse 387 per te!
Frisobook: La tua Paike è la madre, Ster Preferent puoi dirci qualcosa di lei e come hai capito che Brandus sarebbe potuto essere le stallone giusto.
Gonny: Prima guardo bene la fattrice, individuo le sue caratteristiche principali e cerco di capire cosa si possa migliorare nel suo puledro futuro. Quindi individuo lo stallone che meglio può esaltare certe caratteristiche e limarne delle altre.

F: La nascita è sempre un momento speciale, dovuto anche al clima di attesa. Abbiamo notato che quando si avvina il momento, applicate alle vostre fattrici una speciale cinghia e le monitorate con le telecamere. Ti ricordi il momento in cui Tsjitse è nato?
G: certo , non dimenticherò mai quegli istanti, erano le 23.30 l’allarme suonò e siamo corsi subito da Paike e lui era già nato, il mio deckstallion! Era il 18 febbraio del 1998.

F: puoi spiegarmi meglio le caratteristiche che hai osservato in Paike?
G: proverò a spiegare. Paike ha una schiena molto lunga, ma le gambe non troppo, inoltre sia il crine che la coda potrebbero essere più lunghe. Brandus invece ha la schiena corta, molto crine e coda, e movimenti possenti. Abbiamo pensato che Brandus sarebbe stato una buona scelta per Paike. E lo fu. Ma ora usiamo altri stalloni per la riproduzione. Cerchiamo sempre di migliorare la razza. Per questo stesso motivo usiamo Tsjitse per Ancke. Schiena lunga Ancke, schiema corta Tsjitse e così abbiamo ottenuto molti buoni puledri tra cui Neke van de Oergong. Per noi la regola è: prima si osserva la fattrice, poi scegli lo stallone che pensi possa essere il migliore, a questo punto esaminiamo la linea del sangue, poiché i frisoni sono tutti parenti, quindi cerchiamo di avere un coefficiente di consanguineità inferiore al 5 %.

F: ti sei accorta subito che il puledro sarebbe potuto diventare uno stallone approvato?
G: No, è stato un sogno per 3 anni, e soprattutto noi abbiamo creduto molto in Tsjitse. Era bellissimo con ottimi movimenti.

F: Quanti anni aveva al suo primo keuring?
G: E’ nato nel 1998, ed è stato approvato alla monta nel 2001, 3 anni.

F: quanti keuring e quanti test ha dovuto superare prima di essere approvato.
G: Primo di tutto 2 test ad Ermelo, così come ha fatto Tiesto, di seguito è stato invitato a partecipare al Central keuring di Leeuwarden. Di seguito altri tre turni a Leeuwarden, e se tutto è ok, si prosegue al test finale dei 70 giorni ad Ermelo, dopo di ciò pochi fortunati vengono approvati.

F: cosa mi dici dei test medici?
G: Prima che gli stalloni vadano a Leeuwarden si eseguono i raggi X alle gambe, per confermare che non ci sono problemi, anche le analisi del seme devono confermare che non ci sono problemi. Noi però preferiamo fare questi test prima di Ermelo.

F: 70 giorni significano che il keuring dura 70 giorni?
G: Si, quello di Ermelo

F: Ma occorre la presenza del proprietario durante tutto il tempo?
G: No, non è necessario, anzi non è possible, si viene invitati per massimo tre volte nell’arco dei 70 giorni. Temono che si possano drogare gli animali, pertanto è vietato l’accesso alle stalle per i proprietari.

F: Cosa significa avere un Re nella propria stalla, quali sono le sue esigenze e come ti senti tu?
G: Ero così felice e così orgogliosa di lui!

F: Un Re ha bisogno di tante attenzioni. Ti ha impegnato molto, e con quali mansioni?
G: Certamente, è necessario dargli visibilità, montandolo a regola d’arte, portandolo ad esibizioni ecc..

F: Tjitse oggi?
G: vive in uno splendido allevamento in sud Africa, e copre le fattrici.

F: beh, una bella vita
G: Assolutamente si! ;-)

F: E’ un ragazzo fortunato
G: Lo e’!

Grazie Gonny per il tuo tempo! Completiamo la tua intervista con alcune foto del tuo bellissimo Tsjtse.
 

Non c'è trucco non c'è inganno (solo ragadi tutto l'anno)

Non c'è trucco non c'è inganno (solo ragadi tutto l'anno)
DI ALICE FERRARIS
Ragada Kedavra Sa, facciamo un discorso serio. ...che detto da me è un po' come quando il 31 dicembre uno promette di smettere di mangiare cioccolato mentre pulisce con le dita il fondo di un vasetto di nutella. E poi, sinceramente, come cavolo si fa a restare seri? La faccenda ha del demenziale... cioè, o sbattiamo tutti la testa dentro le pilie* a ritmo di samba, o ridiamo a crepapelle come gli ubriachi strafatti di cocacola. Fate vobis. Possiamo anche metterci a...

Ultimi commenti

Discussioni degli utenti

Ultime foto inserite